Non ci sono articoli nel tuo carrello

Il Campeggio

Il Campeggio

Il campeggio è un modo di trascorrere le vacanze all’area aperta alternativo rispetto al turismo tradizionale.

E’ una sosta prolungata in un’area attrezzata per ospitare tende, camper o roulette.

Questa forma di vacanza interessa sempre più persone.

I clienti più fedeli dei campeggi sono solitamente le famiglie con bambini e le coppie/ gruppi di amici di giovane età.

Se si ha figli, questa tipologia di vacanza consente di non utilizzare l’auto, di far stare i propri bimbi all’area aperta e di socializzare molto con gli altri campeggiatori.

Le prime associazioni dedicate al campeggio sono nate all’inizio del 1900 in Gran Bretagna grazie a Holding che decisero di alternare una crociera in canoa lungo i fiumi della Scozia con una serie di soste sulla terraferma fatte in tenda.

La prima associazione di campeggiatori è nata nel 1901 in Inghilterra e si chiamava Association of Cycle Campers.

La prima associazione italiana, invece, è nata in Piemonte nel 1932 con il nome di Auto Campeggio Club Piemonte.

Con il passare degli anni, i campeggi sono diventati sempre più grandi e confortevoli e sono quasi del tutto simili a delle vere e proprie città.

Il campeggio può essere di due tipi:

 

  • Campeggio Libero: la tenda viene piazzata in posti in cui non è prevista un’organizzazione e dove non c’è alcun servizio offerto.

Generalmente è vietato montare una tenda in un’area non attrezzata per più di 24 ore e occorre poi avere rispetto della natura e non lasciare tracce del proprio passaggio.

In Italia, non esiste una legge che permetta di disciplinare il campeggio libero.

Sono le singole Regioni, dunque, che dettano le regole a tale materia.

Ad esempio, in alcune zone, il campeggio libero è ammesso solo se viene richiesto al Comune.

Se si vuole pernottare in terreni privati, occorre ottenere l’autorizzazione del proprietario.

Nel caso in cui il regolamento comunale non preveda nulla, il bivacco, si intende autorizzato per le sole ore notturne.

 

Quindi, dovrai montare la tenda dopo il tramonto e smontarla prima dell’alba.

 

Alcuni accorgimenti importanti sono:

 

  1. Montare la tenda solo per il tempo strettamente necessario
  2. Non accendere il fuoco
  3. Non abbandonare i rifiuti
  4. Non modificare l’ambiente.

 

  • Campeggio Organizzato: pagando una quota giornaliera, si piazza la roulotte/tenda o si parcheggia il camper usufruendo dei servizi comuni e di aree attrezzate.

 

Tra le diverse tipologie di alloggio che si possono utilizzare, abbiamo:

 

  • La tenda: è la prima e la più antica dotazione del campeggiatore e rappresenta la soluzione di base per chi vuole viaggiare in maniera più economica.

 

Per capire quale faccia al nostro caso, dobbiamo analizzare una serie di elementi:

 

  • Numero di persone che dovranno utilizzarla
  • Numero di giorni che la utilizziamo
  • Modalità di destinazione della tenda (se viene trasportata nello zaino oppure nell’auto)

 

Le tende a loro volta si suddividono in:

 

Tende Igloo: è la tipologia più diffusa caratterizzata da una struttura a calotta che ricorda appunto le abitazioni delle popolazioni eschimesi.

A parità di peso, garantiscono la migliore ottimizzazione degli spazi interni.

E’ possibile stare anche in piedi e la loro struttura a sfera le rende più resistenti alle situazioni estreme, specialmente alle raffiche di vento.

Possono ospitare dalle due alle sei persone e sono le più economiche.

  (MiCasa Italia. Tenda da Campeggio 200x120x130 cm in Fibra di Vetro Bianca)

 

 

Tende automatiche: sono una sottocategoria delle tende a igloo e sono facili da montare.

Sono dotate di un meccanismo che, azionato con un cordino, permette di sollevare la struttura senza il minimo sforzo.

Una tipologia importante di queste tende automatiche sono le tende gonfiabili, la cui struttura si solleva tramite gonfiaggio con una semplice bombola che semplifica la procedura di montaggio.

Per concludere questa operazione con entrambe le tende è necessario solo applicare i picchetti ai tiranti.

 

Tende a casetta: sono quelle più larghe e capienti la cui forma ricorda quella di una piccola casa.

E’ la soluzione ideale per le famiglie poiché possiedono più di una stanza e separano lo spazio dei genitori da quello dei figli.

Svantaggio: sono pesanti e ingombranti quindi è necessario essere ben attrezzati.

Tende scout: sono tende canadesi in grado di accogliere fino a dieci o più persone.

Utilizzate tra gli scout sia per la resistenza alle condizioni climatiche avverse sia per il rispetto delle loro tradizioni.

 

Tende per trekking: perfette per escursioni e cicloturismo.

Sono facili da montare e molto pratiche.

Solitamente sono dotate di una doppia struttura ed è possibile dividerle in più zaini per ridurre il peso.

L’unico problema è la comodità scarsa, solitamente sono adatte per una – due persone.

 

Tende familiari: sono grandi, spaziose e adatte per un soggiorno in campeggio particolarmente lungo.

La loro struttura varia da quelle più leggere a quelle più pesanti.

Arrivano a pesare oltre i 15 kg e sono quindi poco pratiche da montare e al posto dei pali presentano delle camere ad aria.

 

 

    (MiCasa Italia. Tenda da Campeggio in Poliestere per 6 Persone Blu e Verde)

 

Tende a tunnel: simili alle tende a igloo con una forma più allungata in orizzontale.

Grazie alla loro struttura, gli spazi interni sono più ottimizzati e confortevoli.

In commercio sono disponibili modelli da quattro, cinque o sei persone.

Raramente si vedono modelli da sette o più posti.

Nota negativa: sono ingombranti e più pesanti rispetto alle tende a igloo.

 

 (MiCasa Italia. Tenda da Campeggio a Tunnel per 4 Persone Blu)

 

 

CONSIGLI:

Prima di comprare una tenda, occorre verificare che la stessa sia dotata di zanzariera.

Per chi va in campeggio durante la primavera o l’estate è meglio puntare su una tenda a tre stagioni che è più leggera ed economica.

Per chi invece fa escursioni invernale, è meglio puntare su una tenda a quattro stagioni che è composta da materiali più pesanti.

 

Altre tipologie:

  • La roulotte: può essere noleggiata in loco oppure portate da casa.

E’ un rimorchio speciale non motorizzato che può essere utilizzato come abitazione primaria o secondaria.

Negli Stati Uniti, ad esempio, è frequentissimo avere a che fare con persone che vivono tutto l’anno su una roulotte.

Questa cellula abitativa è trainabile da un’automobile e al suo interno ha tutti gli elementi essenziali di una abitazione.

Fornello a gas, tavoli, bagno chimico, frigorifero ect.

 

  • Il camper: è un veicolo attrezzato per soggiornarvi durante le soste.

E’ come una roulotte solo che ha il motore e viene utilizzato prevalentemente per turismo poiché consente di sostare in qualsiasi luogo senza bisogno di altro.

E’ comunque necessario parcheggiarsi in posti in cui ci sono a disposizione dei vuotatori per WC chimici.

 

  • Le case mobili: si tratta di prefabbricati con le dotazioni di un vero e proprio appartamento.

Hanno dimensioni più ridotte però sono ben organizzate.

 

  • I bungalow: sono costruzioni in legno composte solitamente da un solo piano.

Non sempre è prevista la presenza della cucina e di altri servizi.

 

 

 

Su MiCasa puoi trovare tutto ciò che ti serve per goderti il campeggio senza farti mancare nulla.

Inoltre, se hai delle indecisioni, puoi parlare con i nostri operatori che ti guideranno nella scelta del prodotto più adatto alle tue esigenze.

Acquistare online è intuitivo e soprattutto veloce.

Ricevi il prodotto direttamente a casa tua, con pochi click e soprattutto con spedizione gratuita in tutta Italia.

 

MiCasa

Lascia un commento