Non ci sono articoli nel tuo carrello

La storia del Gommone

La storia del Gommone

Per gommone si intende un natante o un battello caratterizzato dalla presenza di tubolari di tessuto gommato rinforzato e provvisto di valvole di gonfiaggio/sgonfiaggio.

La nascita dei gommoni fu resa possibile grazie alla scoperta del processo di vulcanizzazione della gomma nel 1838, che permetteva di essere resistente e flessibile.



Il primo gommone fu progettato dal tenente Peter Halkett, un ufficiale della Royal Navy che progettò nel 1845 la barca Halkett considerata come il primo gommone della storia.

Peter, sapeva bene che, era difficile viaggiare nell’Artico canadese e creare delle imbarcazioni poco ingombranti da trasportare sui terreni e allo stesso tempo robuste in caso di mal tempo.
Per questo creò questa barca, pieghevole, gonfiabile e realizzata in stoffa impregnata di gomma.

Quando sgonfiato, lo scafo della barca serviva come impermeabile, il remo come bastone da passeggio e la vela come ombrellone.


BARCA HALKETT:

        (Foto prese da internet)

 

La sua aspirazione avvenne quando le canoe di John Franklin (scienziato statunitense) vennero distrutte a seguito di una tempesta e questo lo portò a cercare alternative più robuste e portatili. 

Purtroppo, le sue imbarcazioni non ebbero successo sul mercato ma furono però fondamentali per progetti futuri.


Nel 1848 il generale George Cullum, US Army Corps of Engineers, introdusse un tessuto gommato gonfiabile per far fronte a diverse guerre.

La necessità dei gommoni, fu presa in seria considerazione con la strage del Titanic avvenuta nel 1912 a causa delle scialuppe risultate insufficienti e con la Prima Guerra Mondiale poiché la presenza dei siluri sottomarini aveva causato danni alle imbarcazioni utilizzate che risultavano oramai inefficienti.


Tra le due Guerre Mondiali, Goodyear ( inventore americano) trovò il modo di unire la gomma ad altri materiali.

Nacquero così delle zattere di salvataggio composte da tubi di gomma gonfiati di forma quadrata che potevano essere poste sul ponte a bordo delle navi da guerra.

La nascita dei gommoni moderni, simili a quelli dei giorni nostri, fu invenzione della ditta inglese RFD che nel 1919 sviluppò gommoni utilizzando il tessuto rivestito dei dirigibili a idrogeno.

Il Ministero dell’Aereonautica rimase così colpito da questa invenzione che iniziò a sottoscrivere contratti per la produzione di queste attrezzature di salvataggio.

Pure in Francia stava emergendo un modello molto simile da parte della società Zodiac che nel 1934 inventò il Kayak Catamarano.

Inizialmente i gommoni erano destinati solo ad un uso militare però, dopo la Seconda Guerra Mondiale, la società Zodiac crebbe così tanto che estese la sua vendita anche al pubblico.

Nei primi anni Sessanta, Zodiac concesse la licenza di produzione ad una decina di imprese in altri paesi e nel 1960 la società britannica Humber realizzò per prima le barche gonfiabili del marchio Zodiac in Inghilterra.

Fondamentalmente, i gommoni si dividono in due macrogruppi:

SIB: Soft Inflatable Boat ossia gommone morbido.

Sono i gommoni classici completamente smontabili e possono presentare una chiglia pneumatica oppure rigida.

Quella pneumatica è realizzata in tessuto impermeabilizzato, gonfiabile e ad alta pressione e le uniche parti rigide che presenta sono le assi del pagliolo.

Mentre, la chiglia rigida è formata da una trave multistrato di legno, vetro o alluminio.

La forma che presenta è quella a V, cioè quella dei RHIB.

I SIB sono facili da trasportare in auto e possono essere completamente sgonfiati.

Sono imbarcazioni perfette per navigare in acque basse o per approdare in spiagge non attrezzate.

 

RHIB: Rigid Hull Inflatable Boat ossia gommone a scafo rigido.

Sono i gommoni che presentano uno scafo simile a quello delle altre imbarcazioni.

Inizialmente sono nati come imbarcazioni militari e diventati successivamente popolari in altri tipi di impieghi grazie alla loro versatilità.

E’ il modello più diffuso e costruito che unisce il comfort dei motoscafi alla sicurezza dei classici gommoni.

Dotati di prestazioni elevate, sono in grado di restare a galla anche se l’interno dello scafo si riempie di acqua.

Le variati di RHIB sonno moltissime e si distinguono principalmente per il loro motore.

Due modelli significativi di RHIB, sono:

FRIB: Foldable Rigid Hull Inflatable Boat ossia gommone a scafo pieghevole e rigido.

Lo scafo è idrodinamico ed è articolato in tre sezioni e può essere ripiegato su sé stesso.

FIB: Flying inflatable Boat ossia gommone volante.

Ideato dalla azienda italiana Polaris Motor, unisce le ali e le eliche con i gommoni moderni a forma di V.

Si tratta di velivoli anfibi che vengono utilizzati da parte della guardia costiera, polizia, organi di governo ect..

Solitamente il gommone è realizzato in PVC o in vinile, materiali di alta qualità e resistenti.

Da qualche anno però, uno dei materiali più utilizzati è l’Hypalon (un marchio commerciale del costruttore DuPont).

Si tratta di un materiale molto durevole, appartenente alla famiglia degli elastomeri ed è una gomma sintetica di polietilene clorosolfonato.

Questo materiale, ha eccellenti capacità di trattenere l’aria, è resistente agli agenti atmosferici, ai raggi UV, alle sostante chimiche ed è impermeabile.

E’ un tessuto robusto e pesante, adatto ad imbarcazioni di servizio che rimarranno a galla tutto l’anno.

Ovviamente, il prezzo della materia prima sommato alla mano d’opera, fa si che i gommoni siano nettamente più costosi rispetto a quelli in PVC.

Quando parliamo di PVC invece, non parliamo di una vera e propria gomma come l’Hypalon, ma di una plastica molto resistente e duratura.

La perdita d’aria del PVC è di meno del 7% in 24 ore mentre quella dell’Hypalon è del 15 %.

Ovviamente questa perdita dipende dagli sbalzi di temperatura durante la giornata.

Il PVC è in grado di offrire le massime prestazioni tra i – 10 e i 60 gradi mentre l’ Hypalon lavora in modo molto tranquillo tra i – 18 e i 140 gradi.

Ciò rende quest’ultimo preferibile da utilizzare nelle zone in cui il clima è caldo.

Viceversa, nei climi freddi i due materiali sono simili.

La durata media dei gommoni in PVC è di circa 10 anni (negli ultimi anni sono diventati molto longevi) mentre quelli in Hypalon possono durare 30 anni e la loro garanzia arriva anche a 10 anni.

Prima di procedere al suo acquisto, è necessario verificare che sia dotato di pavimenti e cuscini gonfiabili che aggiungono ulteriore comfort e occorre verificare che le valvole siano di buona qualità.

Le valvole migliori sono realizzate in resina acetalica che impedisce la fuoriuscita dell’aria e il conseguente sgonfiamento del gommone.

Ovviamente, occorre innanzitutto capire l’uso che si vuole fare del gommone.

Ti serve per pescare? Devi usarlo al mare? Al lago? Quante persone deve ospitare?

A questo punto potrai poi decidere se acquistarlo a chiglia rigida oppure smontabile.

 

La guida in mare richiede tanta attenzione quanto quella in strada.

E’ necessario essere in possesso della patente nautica, quando:

-  Il motore del gommone oltrepassa il limite dei 30 Kw (40Cv)

-  Si naviga oltre le 6 miglia della costa

-  Si pratica lo sci nautico

 

Non è necessario essere in possesso della patente nautica, quando:

- Il motore del gommone non oltrepassa il limite dei 30 Kw (40Cv)

-  Si naviga entro le 6 miglia

-  Non si pratica lo sci nautico

 

 

!! ATTENZIONE:

Se desiderate navigare nelle acque della Croazia, dovete sapere che, se il vostro gommone ha una lunghezza che supera i 3 metri e la potenza del motore è di 4Kw è OBBLIGATORIO essere in possesso della patente nautica.

 

Ora, elencheremo alcune regole di navigazione fondamentali:

 

  • Chi esce dal porto ha sempre la precedenza.

L’ingresso e l’uscita deve comunque essere fatto tenendo la destra e con il motore alla minima velocità.

 

  • Durante la navigazione dare sempre la precedenza a destra.

 

  • Se si incontrano barche a vela, barche di grandi dimensioni o traghetti, ricordatevi che hanno sempre la precedenza.

 

  • E’ vietato raccogliere qualsiasi tipo di oggetto dai mari o dalle spiagge.

 

  • E’ vietato pescare nelle zone delimitate dell’Area Marina Protetta.

 

 

Curiosità:

Il gommone più grande del mondo è lungo 24 metri e si chiama HEAVEN 80.

 

 (Foto presa da internet)

 

Buona navigazione da MiCasa!

Lascia un commento